News:

Immortals….siamo sicuri?…scopriamo assieme questo team….

img
Gen
15

 

Eccoci ad un nuovo articolo scritto con passione dal nostro scriba Andrea….andiamo subito nel vivo e leggiamo assieme le  nostre prime impressioni su questo nuovo, si fà per dire “nuovo team”.

Perchè secondo molti gli Immortals si candidano come possibile miglior team dell’NA LCS.

Come molti di voi sapranno, dopo il World Championship 2015 portato a casa dai coreani degli SKT T1, all’interno del circuito LCS è iniziato un processo di rinnovamento da parte dei team che parteciperanno all’edizione 2016 dei campionati di League of Legends senza precedenti. Basti solo pensare che l’MVP del mondiale MaRin ha sentito il bisogno di lasciare la squadra campione del mondo in favore degli LGD (che durante il mondiale hanno fatto tutto fuorché emozionare), poiché la necessità di cambiare paese e di cercare nuovi stimoli era più ardente che mai. Nello sport elettronico questa è una parte fondamentale dell’essere competitivo, essere stimolato a fare meglio degli altri, non importa come o dove. Questa sensazione per MaRin in Corea si stava affievolendo, essere il miglior giocatore del mondo nella miglior squadra del mondo avrebbe certamente leso la sua voglia di giocare a League of Legends, quindi ha deciso di cambiare aria. Questo come è successo per MaRin è successo anche per Huni e Reignover, rispettivamente Top laner e Jungler dei Fnatic, con cui hanno stravinto l’EU LCS ed hanno dimostrato al mondo di essere una delle coppie Top-Jungler più grandiose di sempre. Forti di una inseparabile amicizia, i due Sud-Coreani hanno deciso di intraprendere una nuova avventura all’interno dell’LCS americano firmando per gli Immortals, squadra nuovissima nel circuito che ha inglobato nel suo brand il Team 8, il legittimo proprietario dello spot degli LCS con cui concorreranno al prossimo campionato americano. Quindi, perché gli Immortals si candidano ad essere uno dei migliori team dell’NA LCS? Diamo un’occhiata al roster che hanno presentato gli Immortals:

immortals-roster

Da sinistra  a destra possiamo vedere:

TOP: HUNI

MID: POBELTER

SUPPORT: ADRIAN

JUNGLER: REIGNOVER

AD CARRY: WILDTURTLE

Durante l’evento All Star tenutosi tra l’11 e il 14 dicembre, Doublelift ha detto di Huni che “farà migliorare in maniera esponenziale I Top Laner dell’NA LCS oppure costringerà tutte le squadre del circuito ad importare Top Laners dagli altri paesi per un bel po’”. Questo la dice lunga su quali possano essere le abilità di Huni dopo solo una stagione di gioco professionistico. A tutto questo si aggiunge Reignover, colui che ha reso possibile lo snowball più totale per Huni durante tutto lo Split estivo dell’LCS europeo. La loro sincronia e coordinazione nelle giocate 2v1 e 2v2 è superiore a quella di qualsiasi altra combinazione Solo Laner-Jungler, o almeno lo è stata fino ad adesso, vedremo di cosa saranno capaci al prossimo Split. Per quanto riguarda Pobelter, è un mistero il motivo per cui sia stato lasciato a piedi dai CLG e la teoria secondo la quale Huhi sia più flessibile e propenso al teamplay di Pobelter lascia davvero perplessi. Lo troviamo adesso padrone della lane centrale degli Immortals, reo di aver concluso uno Split Estivo con i CLG con un KDA di 4,51 con una champion pool di 7 campioni diversi su 19 partite ed un World Championship chiuso malamente con un KDA di 2.60 su 5 campioni usati in 6 partite. La cosa da notare è che le uniche partite vinte al mondiale le ha giocate con Lulu, scegliendo la strategia “Protect the Doublelift”. Vedremo se nel prossimo split vedremo di più il Pobelter che tenta l’uccisione uno contro uno in linea con i suoi tipici pick alla Kassadin oppure quello che gioca per gli altri, usando campioni come Lulu e Orianna. Questo dipenderà anche da quanto sarà forte la linea inferiore, costituita da Wildturtle e Adrian. Il primo viene da una stagione abbastanza deludente con i Team Solo Mid, che hanno deciso proprio per questo motivo di sostituirlo con Doublelift. Turtle the cat ha sempre avuto un rendimento abbastanza buono, fino ad essere considerato tra i migliori 5 Ad Carry del mondo, prima del terribile crollo prestazionale dello Split Estivo, che ha causato anche una sua sostituzione con Keithmcbrief, cercando di spronarlo a dare il meglio. Vedremo se con Adrian al suo fianco sarà in grado di reggere la pressione di un team che, statistiche alla

mano, non è costruito per fare peeling all’Ad Carry. Dovrà perciò pensarci Adrian a far sì che Wildturtle faccia il danno per secondo di un tiratore degno di questo nome. Egli infatti, come si vede dai pick che ha scelto durante lo Split Estivo predilige campioni che possono sia ingaggiare che fare peeling, come Alistar e Leona ma è anche un bravissimo giocatore di Janna, con cui detiene un KDA di 6.18. Adrian è un ottima scelta come support per questo team, anche perché detiene il record di Ward piazzate nei 10 minuti (addirittura 14,6), cosa che può sopperire al fatto che Reignover si concentrerà molto più spesso sul gankare la Top lane rispetto alle altre lane. Infatti una visione molto espansa come quella che è capace di dare Adrian alla Botlane può prevenire potenziali gank avversari. Vedremo dunque secondo me una bottom lane abbastanza aggressiva nei primi 3 livelli, poiché i pick prediletti da Adrian e Wildturtle lo consentono, ma molto molto passiva dopo l’acquisizione del livello 6, poiché la concentrazione dei gank si concentrerà sulla toplane, dove Huni è solito giocare carry del calibro di Riven e Rumble, che sono in grado di trascinare una partita da soli. Dobbiamo solo aspettare e vedere se Pobelter avrà l’occasione di sfoggiare campioni da roaming per aiutare la bottom lane, in fondo l’abbiamo visto giocare spesso Twisted Fate.

I presupposti per essere una delle migliori squadre dell’NA LCS ci sono, poiché la squadra è stata costruita con una logica e con un equilibrio molto raffinato, resta solo da sapere se questa è la strategia giusta oppure no. Senza dubbio, per essere una squadra debuttante nel Circuito, sfoggiano nomi di grandissimo prestigio ed esperienza di grande qualità, anche grazie a Dodo8, ex support dei Team8, adesso team manager di questa nuovissima squadra, vogliosa di conquistare un posto per i World Championship per la stagione 6.