News:

Wolfenstein: breve recensione

img
Lug
21
Wolfenstein: The Old Blood, è il prequel del pluripremiato Wolfenstein: The New Order,ambientato nel 1946,ma in una realtà alternativa dominata da un esercito tedesco dotato di un arsenale belico altamente tecnologico e fantascientifico,ulteriolmente potenziato dalla presenza di profonde sperimentazioni e test sul sovrannaturale. In una guerra senza esclusione di colpi,rivestiremo quindi i panni di Blazkowicz,invischiato contemporaneamente in una campagna con due filoni principali,uno dei quali riporterà B.J. al vecchio castello Wolfenstein alla ricerca di indizi che possano stanare il generale Deathshead,è un secondo,dove si metterà sulle tracce di un archeologo nazista nei pressi della città di Wulfburg,fino a quando le due non finiranno per intrecciarsi in un unico,epico intreccio narrativo che ci prometterà ancora più scene di cruda violenza incorniciate da una suspence talmente coinvolgente e crescente da costringere a tenere gli occhi aperti e fissi sullo schermo,anche il giocatore più facilmente impressionabile. A giudicare dai precedenti video,non troveremo ambientazioni aperte alla Fallout,ma i lunghi corridoi tipici dei precedenti capitoli,affiancati quindi dal senso di paura e oppressione dei quali gli affezionati sono già consapevoli,così come dai coseguenti attacchi adrenalinici di chi si sente in trappola ma non abbastanza da sottomettersi ad un infausto destino,cosa ottimamente sottolineata dagli spasmodici movimenti del nostro alterego digitale in alcuni,concitati frangenti nelle ali del castello,ma anche in nuove location quali vie cittadine,catacombe e vallate ricche di ponti,funivie e paesaggi mozzafiato,resi splendidamente dal motore grafico. Novità promesse nel gameplay,aggiungendo approcci stealth prima d’ora inediti nel gioco,come,ad esempio,la presenza di tubature sparse sulle pareti degli edifici sulle quali arrampicarsi,oppure oggetti propriamente affilati per scalare silenziosamente gli edifici,per poi usare le stesse per aggredire i mal capitati nazzisti alle spalle. Ad acuire questa sensazione è il sistema di talenti,ora rinnovato e affinato,che infatti ospiterà nuove abilità completamente dedicate allo stealth oltre che ovviamente a nuove skill per creare ancora più caos con armi sempre più pesanti e distruttive,come ad esempio il fucile a pompa 1946 o la Kampfpistole lanciagranate.Restiamo dunque in attesa per le prossime news di questo nuovo sparatutto multipiattaforma in uscita il 5 maggio che promette d’attirare più dei semplici fan del titolo originale,non solo per i contenuti,ma anche attraverso il suo modico prezzo su mercato di soli 20 euro